Fondo di Garanzia per le PMI

Il principale strumento per facilitare l'accesso al credito bancario si rinnova per aiutare ancora di più le piccole e medie imprese italiane.

Obiettivi

La presente monografia vuole fornire una panoramica sulle caratteristiche di intervento e sui meccanismi d'accesso delle imprese al Fondo di Garanzia, per aiutarle a comprendere le potenzialità dello strumento per facilitare l'accesso al credito bancario.

Aggiornamenti

La monografia è aggiornata al 22 luglio 2014. Per ulteriori informazioni è possibile contattare la propria associazione di riferimento.

Indice

1. Che cos’è il Fondo di Garanzia per le PMI e perché conviene conoscerlo?

2. Chi può accedere alla garanzia del Fondo?

3. Start-up innovativa

3.1 Quali sono le operazioni ammissibili, le percentuali di copertura e gli importi massimi garantiti per azienda?

3.2 Quali sono i criteri utilizzati dal Fondo di Garanzia per identificare le start-up innovative ammissibili?

3.3 Come fare per accedere alla garanzia del Fondo?

3.4 Qual è il costo della garanzia del Fondo?

3.5 Quali sono i tempi di risposta del Fondo?

4. Start-up con meno di due bilanci depositati

4.1 Quali sono le operazioni ammissibili, le percentuali di copertura e gli importi massimi garantiti per azienda?

4.2 Quali sono i criteri utilizzati dal Fondo di Garanzia per identificare le start-up ammissibili?

4.3 Cosa significa "procedura di importo ridotto"?

4.4 Come fare per accedere alla garanzia del Fondo?

4.5 Qual è il costo della garanzia del Fondo?

4.6 Quali sono i tempi di risposta del Fondo?

5. Impresa femminile

5.1 Quali sono le operazioni ammissibili, le percentuali di copertura e gli importi massimi garantiti per azienda?

5.2 Quali sono i criteri utilizzati dal Fondo di Garanzia per identificare le imprese femminili ammissibili?

5.3 Come fare per accedere alla garanzia del Fondo?

5.4 Qual è il costo della garanzia del Fondo?

5.5 Quali sono i tempi di risposta del Fondo?

6. PMI con almeno due bilanci depositati

6.1 Quali sono le operazioni ammissibili, le percentuali di copertura e gli importi massimi garantiti per azienda?

6.2 Quali sono i criteri utilizzati dal Fondo di Garanzia per identificare le imprese ammissibili?

6.2.1 Cosa significa essere in Fascia 1?

6.2.2 Cosa significa essere in Fascia 2?

6.2.3 Cosa significa essere in Fascia 3?

6.3 Cosa significa "procedura semplificata"?

6.4 Cosa significa "procedura di importo ridotto"?

6.5 Come fare per accedere alla garanzia del Fondo?

6.6 Qual è il costo della garanzia del Fondo?

6.7 Quali sono i tempi di risposta del Fondo?

7. Società in contabilità semplificata

7.1 Quali sono le operazioni ammissibili, le percentuali di copertura e gli importi massimi garantiti per azienda?

7.2 Quali sono i criteri utilizzati dal Fondo di Garanzia per identificare le imprese ammissibili?

7.2.1 Cosa significa essere in Fascia 1?

7.2.2 Cosa significa essere in Fascia 2?

7.2.3 Cosa significa essere in Fascia 3?

7.3 Cosa significa "procedura semplificata"?

7.4 Cosa significa "procedura di importo ridotto"?

7.5 Come fare per accedere alla garanzia del Fondo?

7.6 Qual è il costo della garanzia del Fondo?

7.7 Quali sono i tempi di risposta del Fondo?

8. La garanzia del Fondo è solo diretta?

9. Cosa può fare Bancopass per te?

 

1. Che cos’è il Fondo di Garanzia per le PMI e perché conviene conoscerlo?

Il Fondo di Garanzia concede una garanzia pubblica a fronte di finanziamenti erogati da banche, società di leasing e altri intermediari finanziari alle PMI.
Conviene conoscerlo perché le banche non accantoneranno capitale, ai fini di Basilea II, e quindi potrebbero essere più disposte a deliberare il finanziamento e devono poi praticare condizioni più favorevoli.

2. Chi può accedere alla garanzia del Fondo?

Possono accedervi, le aziende che soddisfano la definizione europea di PMI, con diverse modalità a seconda della tipologia di impresa:

3. Start-up innovative

3.1 Quali sono le operazioni ammissibili, le percentuali di copertura e gli importi massimi garantiti per azienda?

Tipologia di operazione % di copertura Importo massimo garantito per azienda
Anticipazione crediti Pubblica Amministrazione 80% € 2,5 mln

Finanziamenti/leasing di durata non inferiore a 36 mesi (p.e. finanziamenti per acquisto macchinari, finanziamenti per liquidità, fideiussioni,
prestiti partecipativi, consolidamento di passività bancarie a breve termine su altra banca/gruppo bancario)

80% € 2,5 mln
Operazioni sul capitale di rischio (garanzia prestata dal Fondo sulla perdita derivante da una partecipazione al capitale di pmi) non ammissibile
Altre operazione finanziarie, durata e/o scadenza stabilita e certa, non ricomprese in nessun'altra categoria 80% € 2,5 mln
Consolidamento di passività bancarie a breve termine su stessa banca/gruppo bancario 80% € 2,5 mln

3.2 Quali sono i criteri utilizzati dal Fondo di Garanzia per identificare le start-up innovative ammissibili?

L'intervento del fondo è concesso alle start-up innovative a condizione che:

  • il soggetto finanziatore non acquisisca alcuna garanzia reale, assicurativa o bancaria;
  • il soggetto finanziatore abbia acquisito apposita dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà (Documentazione e modulistica - Allegato 4), con cui il rappresentante legale dell'impresa attesta l'iscrizione nella sezione speciale del Registro delle imprese.

3.3 Come fare per accedere alla garanzia del Fondo?

Per accedere al fondo, le imprese interessate non possono inoltrare direttamente la domanda al Fondo: devono rivolgersi all'intermediario finanziario, a cui si sta chiedendo il finanziamento, che inoltrerà la richiesta di garanzia.

3.4 Qual è il costo della garanzia del Fondo?

Il rilascio della garanzia per le start-up innovative è a titolo gratuito, con l'unica eccezione per le operazioni di consolidamento su stessa banca o gruppo bancario (3% dell'importo garantito dal Fondo).

3.5 Quali sono i tempi di risposta del Fondo?

Il Comitato delibera entro due mesi dalla data di arrivo o di completamento della richiesta della garanzia: alle start-up innovative è assegnata priorità in fase di istruttoria della richiesta di garanzia.

4. Start-up con meno di due bilanci depositati

4.1 Quali sono le operazioni ammissibili, le percentuali di copertura e gli importi massimi garantiti per azienda?

 

Tipologia di operazione % di copertura Importo massimo garantito per azienda

Finanziamenti per investimenti di durata superiore a 36 mesi

80% € 2,5 mln
Finanziamenti per investimenti fino a 36 mesi 60% € 1,5 mln

4.2 Quali sono i criteri utilizzati dal Fondo di Garanzia per identificare le start-up ammissibili?

Le start-up, non valutabili sulla base degli ultimi due bilanci approvati:

  • sono ammissibili solo se l'operazione sulla quale è richiesto l'intervento del fondo è a fronte di un programma di investimento;
  • non sono ammissibili se i mezzi propri sono inferiori al 25% dell'importo del programma di investimento.

La valutazione delle start-up è basata sul business plan, completato di un bilancio previsionale almeno triennale, compilato secondo lo schema messo a disposizione dal Fondo (Documentazione e modulistica - Allegato 7 oppure Allegato 7bis se l'operazione finanziaria è inferiore a € 50.000).

4.3 Cosa significa "procedura di importo ridotto"?

In procedura di importo ridotto, le imprese hanno priorità nell'istruttoria e una proposta positiva del Comitato senza sue ulteriori valutazioni, in quanto gli intermediari finanziari possono certificare essi stessi il merito di credito a condizione che:

  • non ci siano garanzie reali, bancarie o assicurative;
  • il finanziamento abbia una durata compresa tra i 18 mesi e i 3 anni;
  • il finanziamento abbia un piano di rimborso a rate mensili e con un preammortamento massimo di 6 mesi;
  • il finanziamento sia concesso a fronte di investimenti.

Per richiedere tale procedura l’importo base dell’operazione deve essere inferiore a € 10.000.
L'importo massimo garantito dei finanziamenti ammessi all'intervento del Fondo con tale procedura è di € 1.000.000.

4.4 Come fare per accedere alla garanzia del Fondo?

Per accedere al fondo, le imprese interessate non possono inoltrare direttamente la domanda al Fondo: devono rivolgersi all'intermediario finanziario, a cui si sta chiedendo il finanziamento, che inoltrerà la richiesta di garanzia.

4.5 Qual è il costo della garanzia del Fondo?

Le aziende devono versare al Fondo, a pena d’inefficacia, una commissione “una tantum” calcolata in termini di percentuale dell'importo garantito dal Fondo:

Micro impresePiccole impreseMedie imprese
0,25% 0,5% 1%

4.6 Quali sono i tempi di risposta del Fondo?

Il Comitato delibera entro due mesi dalla data di arrivo o di completamento della richiesta della garanzia.

5. Imprese femminili

5.1 Quali sono le operazioni ammissibili, le percentuali di copertura e gli importi massimi garantiti per azienda?

 

Tipologia di operazione % di copertura Importo massimo garantito per azienda
Anticipazione crediti Pubblica Amministrazione 80% € 2,5 mln

Finanziamenti/leasing di durata superiore a 36 mesi (p.e. finanziamenti per acquisto macchinari, finanziamenti per liquidità, fideiussioni,
prestiti partecipativi, consolidamento di passività bancarie a breve termine su altra banca/gruppo bancario)

80% € 2,5 mln
Operazioni sul capitale di rischio (garanzia prestata dal Fondo sulla perdita derivante da una partecipazione al capitale di pmi) 50% € 2,5 mln
Altre operazione finanziarie, durata e/o scadenza stabilita e certa, non ricomprese in nessun'altra categoria 80% € 2,5 mln
Consolidamento di passività bancarie a breve termine su stessa banca/gruppo bancario 30% € 1,5 mln

5.2 Quali sono i criteri utilizzati dal Fondo di Garanzia per identificare le imprese femminili ammissibili?

I criteri utilizzati si differenziano a seconda che l'impresa sia una PMI con più di due bilanci depositati, una start-up o una start-up innovativa.

5.3 Come fare per accedere alla garanzia del Fondo?

Solo per le imprese femminili, vi sono due modalità alternative di accedere alla garanzia del Fondo:

  • rivolgendosi all'intermediario finanziario, a cui si sta chiedendo il finanziamento, che inoltrerà la richiesta di garanzia;
  • prenotando la garanzia, inviando l’apposito modulo (Documentazione e modulistica - Allegato 22) al Gestore tramite posta (raccomandata A/R) o fax (0647915005) o posta elettronica certificata (bdm-mcc@postacertificata.mcc.it). Ottenuta la delibera di approvazione l’impresa può recarsi presso un intermediario finanziario che dovrà presentare richiesta di conferma della garanzia entro tre mesi dalla data di delibera.

5.4 Qual è il costo della garanzia del Fondo?

Il rilascio della garanzia per imprese femminili è a titolo gratuito, con l'unica eccezione per le operazioni di consolidamento su stessa banca o gruppo bancario (3% dell'importo garantito dal Fondo).

5.5 Quali sono i tempi di risposta del Fondo?

Il Comitato delibera entro due mesi dalla data di arrivo o di completamento della richiesta della garanzia: alle imprese femminili è assegnata priorità in fase di istruttoria della richiesta di garanzia.

6. PMI con almeno due bilanci depositati

6.1 Quali sono le operazioni ammissibili, le percentuali di copertura e gli importi massimi garantiti per azienda?

 

Tipologia di operazione % di copertura Importo massimo garantito per azienda
Anticipazione crediti Pubblica Amministrazione 80% € 2,5 mln

Finanziamenti/leasing di durata superiore a 36 mesi (p.e. finanziamenti per acquisto macchinari, finanziamenti per liquidità, fideiussioni,
prestiti partecipativi, consolidamento di passività bancarie a breve termine su altra banca/gruppo bancario)

80% € 2,5 mln
Operazioni a favore di piccole imprese dell'indotto di imprese in amministrazione straordinaria 80% € 1,5 mln
Altre operazione finanziarie, durata e/o scadenza stabilita e certa, non ricomprese in nessun'altra categoria 60% € 1,5 mln
Operazioni sul capitale di rischio (garanzia prestata dal Fondo sulla perdita derivante da una partecipazione al capitale di pmi) 50% € 2,5 mln
Consolidamento di passività bancarie a breve termine su stessa banca/gruppo bancario 30% € 1,5 mln

Per le imprese di autotrasporto, la percentuale di copertura per le "Altre operazione finanziarie" viene alzata all'80%.

6.2 Quali sono i criteri utilizzati dal Fondo di Garanzia per identificare le imprese ammissibili?

  • modello di valutazione per le imprese in contabilità ordinaria operanti nei settori: industria manifatturiera, edilizia, alberghi (società alberghiere proprietà dell'immobile), pesca e piscicoltura.

La valutazione viene effettuata su quattro indici calcolati sugli ultimi due bilanci approvati e in base al valore ottenuto viene assegnato un punteggio:

IndiciValorePunti
A. (Mezzi Propri + Debiti a M/L termine)/Immobilizzazioni A >= 100% 3
50% < A < 100% 2
0 < A <= 50% 1
A<= 0 0
B. Mezzi Propri / Totale Passivo B >= 10% 3
6% < B < 10% 2
0 < B <= 6% 1
B <= 0 0
C. Margine Operativo Lordo (MOL) / Oneri Finanziari Lordi C >= 2 3
1,5 <= C < 2 2
1 <= C < 1,5 1
C < 1 0

D. Margine Operativo Lordo (MOL) / Fatturato

Per le imprese del settore edile e caratterizzate da cicli
produttivi ultrannuali:

MOL / Valore della Produzione

D >= 8% 3
5% <= D < 8% 2
3% <= D < 5% 1
D < 3% 0
  • modello di valutazione per le imprese in contabilità ordinaria operanti nei settori: commercio, servizi, alberghi (società alberghiere locatarie dell'immobile).

La valutazione viene effettuata su quattro indici calcolati sugli ultimi due bilanci approvati e in base al valore ottenuto viene assegnato un punteggio:

IndiciValorePunti
A. Attivo Circolante / Passivo Circolante A >= 80% 3
50% < A < 80% 2
0 < A <= 50% 1
A<= 0 0
B. Mezzi Propri / Totale Passivo B >= 7% 3
5% < B < 7% 2
0 < B <= 5% 1
B <= 0 0
C. Margine Operativo Lordo (MOL) / Oneri Finanziari Lordi C >= 2 3
1,5 <= C < 2 2
1 <= C < 1,5 1
C < 1 0

D. Margine Operativo Lordo (MOL) / Fatturato

Per le imprese del settore edile e caratterizzate da cicli
produttivi ultrannuali:

D. MOL / Valore della Produzione

D >= 8% 3
5% <= D < 8% 2
3% <= D < 5% 1
D < 3% 0
  • modello di valutazione per le imprese di autotrasporto in contabilità ordinaria.

La valutazione viene effettuata su quattro indici calcolati sugli ultimi due bilanci approvati e in base al valore ottenuto viene assegnato un punteggio:

IndiciValorePunti
A. Attivo Circolante / Passivo Circolante A >= 80% 3
50% < A < 80% 2
0 < A <= 50% 1
A<= 0 0
B. Attivo Circolante / Fatturato B <= 60% 3
60% < B < 80% 2
80% < B <= 120% 1
B >= 120% 0
C. Margine Operativo Lordo (MOL) / Oneri Finanziari Lordi C >= 2 3
1,5 <= C < 2 2
1 <= C < 1,5 1
C < 1 0

D. Margine Operativo Lordo (MOL) / Fatturato

D >= 5% 3
3% <= D < 5% 2
1% <= D < 3% 1
D < 1% 0

In tutti e tre i casi, in base al punteggio totale (X) ottenuto (massimo 12 punti) le imprese sono suddivise in 3 livelli:

LivelloPunteggio Impresa
A X >= 9
B

X = 7

X = 8

C X < 7

La valutazione degli ultimi due bilanci comporta l'assegnazione di due livelli che, combinati tra loro, producono la fascia di valutazione:

Anno 1Anno 2Valutazione

Livello A

Livello B

Livello A

Livello A

Fascia 1

Livello A

Livello B

Livello C

Livello C

Livello A

Livello B

Livello B

Livello B

Livello A

Livello C

Fascia 2

Livello B

Livello C

Livello C

Livello C

Fascia 3

Qualsiasi livello se, in entrambi gli ultimi due bilanci
approvati, l'indice:

Mezzi Propri / Totale Passivo < 5%

(<4% per le imprese di autotrasporto)

6.2.1 Cosa significa essere in Fascia 1?

Implica una proposta positiva del Comitato previa valutazione:

  1. del rapporto tra ammontare della rata ipotetica annuale (calcolata al vigente Tasso di riferimento sull’operazione oggetto di richiesta di ammissione e sulle altre eventuali operazioni già garantite dal Fondo) e cash flow dell’impresa, nel caso di operazioni di durata superiore a 18 mesi;
  2. della situazione di bilancio aggiornata a data recente ove necessaria;
  3. dell’andamento dei seguenti indicatori: andamento del fatturato, oneri finanziari lordi/fatturato, risultato d’esercizio, utile d’esercizio/mezzi propri, passivo circolante/fatturato, passivo circolante/totale passivo, mezzi propri/totale passivo, MOL/fatturato, Utile d’esercizio/fatturato.

6.2.2 Cosa significa essere in Fascia 2?

Implica una proposta positiva del Comitato previa valutazione:

  1. del rapporto tra ammontare della rata ipotetica annuale (calcolata al vigente Tasso di riferimento sull’operazione oggetto di richiesta di ammissione e sulle altre eventuali operazioni già garantite dal Fondo) e cash flow dell’impresa, nel caso di operazioni di durata superiore a 18 mesi;
  2. della situazione di bilancio aggiornata a data recente;
  3. dell’andamento dei seguenti indicatori: andamento del fatturato, oneri finanziari lordi/fatturato, risultato d’esercizio, utile d’esercizio/mezzi propri, passivo circolante/fatturato, passivo circolante/totale passivo, mezzi propri/totale passivo, MOL/fatturato, Utile d’esercizio/fatturato;
  4. dell’eventuale progetto di investimento;
  5. delle prospettive di mercato e di crescita dell’impresa;
  6. del portafoglio ordini;
  7. di una relazione del soggetto richiedente contenente le proprie valutazioni sull’impresa e sul progetto di investimento;
  8. di precedenti ammissioni al Fondo regolarmente definite;
  9. di ulteriori informazioni acquisite sull’impresa.

6.2.3 Cosa significa essere in Fascia 3?

Implica che l'impresa non è ammissibile alla garanzia del fondo.

6.3 Cosa significa "procedura semplificata"?

In procedura semplificata, le imprese hanno priorità nell'istruttoria e una proposta positiva del Comitato senza sue ulteriori valutazioni, in quanto gli intermediari finanziari possono certificare essi stessi il merito di credito a condizione che:

  • l’impresa rientri in fascia 1, oppure, nel solo caso delle imprese di autotrasporti, fascia 2 (livelli AB, BB, CA);
  • non ci siano garanzie reali, bancarie o assicurative;
  • l’importo dell’operazione, sommato agli altri eventuali affidamenti già garantiti dal Fondo e non ancora rimborsati, non superi il 40% del fatturato dell’impresa, oppure il 30% nel caso di operazioni fino a 36 mesi;
  • l’eventuale diminuzione del fatturato dell’ultimo esercizio rispetto all’esercizio precedente non sia superiore al 40%;
  • l’eventuale perdita nell'ultimo bilancio non sia superiore al 5% del fatturato;
  • nell’ultimo bilancio approvato il valore dell'indice Mezzi propri/Totale del Passivo non deve essere minore del 5% (4%, nel solo caso delle imprese di autotrasporti).

6.4 Cosa significa "procedura di importo ridotto"?

In procedura di importo ridotto, le imprese hanno priorità nell'istruttoria e una proposta positiva del Comitato senza sue ulteriori valutazioni, in quanto gli intermediari finanziari possono certificare essi stessi il merito di credito a condizione che:

  • non ci siano garanzie reali, bancarie o assicurative;
  • l’impresa presenti un’utile in almeno uno degli ultimi due bilanci approvati;
  • l’eventuale perdita registrata nell’ultimo bilancio non superi il 10% fatturato.

Per richiedere tale procedura l’importo base dell’operazione deve essere inferiore a € 20.000, tale importo è elevabile fino a € 100.000 sulla base

  • dell'anzianità dell’impresa;
  • del numero di addetti dell’impresa;
  • del finanziamento a fronte di investimenti in beni ammortizzabili;
  • della crescita del fatturato che deve essere almeno pari al 3% o al 5% nell’ultimo esercizio;
  • dell'immobile aziendale (proprietà, leasing o locazione).

6.5 Come fare per accedere alla garanzia del Fondo?

Per accedere al fondo, le imprese interessate non possono inoltrare direttamente la domanda al Fondo: devono rivolgersi all'intermediario finanziario, a cui si sta chiedendo il finanziamento, che inoltrerà la richiesta di garanzia.

6.6 Qual è il costo della garanzia del Fondo?

Le aziende devono versare al Fondo, a pena d’inefficacia, una commissione “una tantum” calcolata in termini di percentuale dell'importo garantito dal Fondo:

Tipologia di operazioneMicro impresePiccole impreseMedie imprese
Operazione di consolidamento di passività a breve termine su stessa banca o gruppo bancario 3%
Operazioni sul capitale di rischio:
  • anno di ammissione
1%
  • anni successivi:
  • fino al 5°
0,25%
  • dopo il 5°
0,5%
Tutte le restanti operazioni finanziarie ammissibili 0,25% 0,5% 1%

La commissione non è dovuta per le Operazioni di anticipazione dei crediti verso la P.A.

6.7 Quali sono i tempi di risposta del Fondo?

Il Comitato delibera entro due mesi dalla data di arrivo o di completamento della richiesta della garanzia.

7. società in contabilità semplificata

7.1 Quali sono le operazioni ammissibili, le percentuali di copertura e gli importi massimi garantiti per azienda?

 

Tipologia di operazione % di copertura Importo massimo garantito per azienda
Anticipazione crediti Pubblica Amministrazione 80% € 2,5 mln

Finanziamenti/leasing di durata superiore a 36 mesi (p.e. finanziamenti per acquisto macchinari, finanziamenti per liquidità, fideiussioni,
prestiti partecipativi, consolidamento di passività bancarie a breve termine su altra banca/gruppo bancario)

80% € 2,5 mln
Operazioni a favore di piccole imprese dell'indotto di imprese in amministrazione straordinaria 80% € 1,5 mln
Altre operazione finanziarie, durata e/o scadenza stabilita e certa, non ricomprese in nessun'altra categoria 60% € 1,5 mln
Operazioni sul capitale di rischio (garanzia prestata dal Fondo sulla perdita derivante da una partecipazione al capitale di pmi) 50% € 2,5 mln
Consolidamento di passività bancarie a breve termine su stessa banca/gruppo bancario 30% € 1,5 mln

Per le imprese di autotrasporto, la percentuale di copertura per le "Altre operazione finanziarie" viene alzata all'80%.

7.2 Quali sono i criteri utilizzati dal Fondo di Garanzia per identificare le imprese ammissibili?

 

  • modello di valutazione per imprese sottoposte al regime di contabilità semplificata o forfetaria, non valutabili sulla base dei dati di bilancio

La valutazione viene effettuata su due indici calcolati sui dati contabili riportati nelle due ultime dichiarazioni fiscali (modello “Unico”):


IndiciValorePunti
A. Margine Operativo Lordo (MOL) / Oneri Finanziari Lordi A >= 2 3
1,5 <= A < 2 2
1 <= A <1,5 1
A< 1 0

B. Margine Operativo Lordo (MOL) / Fatturato

Per le imprese caratterizzate da cicli produttivi ultrannuali:

 

MOL / Valore della Produzione

B <= 8% 3
5% <= B < 8% 2
3% <= B < 5% 1
B < 3% 0
  • modello di valutazione per le imprese di autotrasporto in contabilità semplificata

La valutazione viene effettuata su due indici calcolati sui dati contabili riportati nelle due ultime dichiarazioni fiscali (modello “Unico”):

IndiciValorePunti
A. Margine Operativo Lordo (MOL) / Oneri Finanziari Lordi A >= 2 3
1,5 <= A < 2 2
1 <= A <1,5 1
A< 1 0

B. Margine Operativo Lordo (MOL) / Fatturato

Per le imprese caratterizzate da cicli produttivi ultrannuali:

 

MOL / Valore della Produzione

B <= 5% 3
3% <= B <5% 2
1% <= B <3% 1
B < 1% 0
In base al punteggio totale (X) ottenuto (massimo 6 punti) le imprese sono suddivise in 3 livelli:
LivelloPunteggio Impresa
A X >= 5
B

X = 4

X = 3

C X < 3

In entrambi i casi, la valutazione degli indici comporta l'assegnazione di due livelli che, combinati tra loro, producono la fascia di valutazione:

Anno 1Anno 2Valutazione

Livello A

Livello B

Livello A

Livello A

Fascia 1

Livello A

Livello B

Livello C

Livello C

Livello A

Livello B

Livello B

Livello B

Livello A

Livello C

Fascia 2

Livello B

Livello C

Livello C

Livello C

Fascia 3

Qualsiasi livello se non si è realizzato almeno un utile nei due anni considerati

 

7.2.1 Cosa significa essere in Fascia 1?

Implica una proposta positiva del Comitato previa valutazione:

  1. del rapporto tra ammontare della rata ipotetica annuale (calcolata al vigente Tasso di riferimento sull’operazione oggetto di richiesta di ammissione e sulle altre eventuali operazioni già garantite dal Fondo) e cash flow dell’impresa, nel caso di operazioni di durata superiore a 18 mesi;
  2. della situazione di bilancio aggiornata a data recente ove necessaria;
  3. dell’andamento dei seguenti indicatori: andamento del fatturato, oneri finanziari lordi/fatturato, risultato d’esercizio, utile d’esercizio/mezzi propri, passivo circolante/fatturato, passivo circolante/totale passivo, mezzi propri/totale passivo, MOL/fatturato, Utile d’esercizio/fatturato.

7.2.2 Cosa significa essere in Fascia 2?

Implica una proposta positiva del Comitato previa valutazione:

  1. del rapporto tra ammontare della rata ipotetica annuale (calcolata al vigente Tasso di riferimento sull’operazione oggetto di richiesta di ammissione e sulle altre eventuali operazioni già garantite dal Fondo) e cash flow dell’impresa, nel caso di operazioni di durata superiore a 18 mesi;
  2. della situazione di bilancio aggiornata a data recente;
  3. dell’andamento dei seguenti indicatori: andamento del fatturato, oneri finanziari lordi/fatturato, risultato d’esercizio, utile d’esercizio/mezzi propri, passivo circolante/fatturato, passivo circolante/totale passivo, mezzi propri/totale passivo, MOL/fatturato, Utile d’esercizio/fatturato;
  4. dell’eventuale progetto di investimento;
  5. delle prospettive di mercato e di crescita dell’impresa;
  6. del portafoglio ordini;
  7. di una relazione del soggetto richiedente contenente le proprie valutazioni sull’impresa e sul progetto di investimento;
  8. di precedenti ammissioni al Fondo regolarmente definite;
  9. di ulteriori informazioni acquisite sull’impresa.

7.2.3 Cosa significa essere in Fascia 3?

Implica che l'impresa non è ammissibile alla garanzia del fondo.

7.3 Cosa significa "procedura semplificata"?

In procedura semplificata, le imprese hanno priorità nell'istruttoria e una proposta positiva del Comitato senza sue ulteriori valutazioni, in quanto gli intermediari finanziari possono certificare essi stessi il merito di credito a condizione che:

  • l’impresa rientri in fascia 1, oppure, nel solo caso delle imprese di autotrasporti, fascia 2 (livelli AB, BB, CA);
  • non ci siano garanzie reali, bancarie o assicurative;
  • l’importo dell’operazione, sommato agli altri eventuali affidamenti già garantiti dal Fondo e non ancora rimborsati, non superi il 40% del fatturato dell’impresa, oppure il 30% nel caso di operazioni fino a 36 mesi;
  • l’eventuale diminuzione del fatturato dell’ultimo esercizio rispetto all’esercizio precedente non sia superiore al 40%;
  • l’eventuale perdita negli ultimi due bilanci non sia superiore al 5% del fatturato;
  • nell’ultimo bilancio approvato il valore dell'indice Mezzi propri/Totale del Passivo non deve essere minore del 5% (4%, nel solo caso delle imprese di autotrasporti).

7.4 Cosa significa "procedura di importo ridotto"?

In procedura di importo ridotto, le imprese hanno priorità nell'istruttoria e una proposta positiva del Comitato senza sue ulteriori valutazioni, in quanto gli intermediari finanziari possono certificare essi stessi il merito di credito a condizione che:

  • non ci siano garanzie reali, bancarie o assicurative;
  • l’impresa presenti un’utile in almeno uno degli ultimi due bilanci approvati;
  • l’eventuale perdita registrata nell’ultimo bilancio non superi il 10% fatturato.

Per richiedere tale procedura l’importo base dell’operazione deve essere inferiore a € 20.000, tale importo è elevabile fino a € 100.000 sulla base

  • dell'anzianità dell’impresa;
  • del numero di addetti dell’impresa;
  • del finanziamento a fronte di investimenti in beni ammortizzabili;
  • della crescita del fatturato che deve essere almeno pari al 3% o al 5% nell’ultimo esercizio;
  • dell'immobile aziendale (proprietà, leasing o locazione).

7.5 Come fare per accedere alla garanzia del Fondo?

Per accedere al fondo, le imprese interessate non possono inoltrare direttamente la domanda al Fondo: devono rivolgersi all'intermediario finanziario, a cui si sta chiedendo il finanziamento, che inoltrerà la richiesta di garanzia.

7.6 Qual è il costo della garanzia del Fondo?

Le aziende devono versare al Fondo, a pena d’inefficacia, una commissione “una tantum” calcolata in termini di percentuale dell'importo garantito dal Fondo:

Tipologia di operazione

Micro impresePiccole impreseMedie imprese

Operazione di consolidamento di passività a breve termine su stessa banca o gruppo bancario

3%
Operazioni sul capitale di rischio:
  • anno di ammissione
1%
  • anni successivi:
  • fino al 5°
0,25%
  • dopo il 5°
0,5%
Tutte le restanti operazioni finanziarie ammissibili

0,25%

0,5%

1%

La commissione non è dovuta per le Operazioni di anticipazione dei crediti verso la P.A.

7.7 Quali sono i tempi di risposta del Fondo?

Il Comitato delibera entro due mesi dalla data di arrivo o di completamento della richiesta della garanzia.

8. La garanzia del Fondo è solo diretta?

No. La garanzia può essere concessa anche in controgaranzia o in cogaranzia, su operazioni finanziarie già garantite da Confidi e altri Fondi di garanzia.
Attenzione: la controgaranzia e la cogaranzia vanno a ridurre il plafond riservato ad ogni impresa, per questa ragione, consigliamo la controgaranzia nel caso in cui l'impresa sia in fascia II.

9. Cosa può fare Bancopass per te?

Possiamo aiutarti a verificare la possibilità di sfruttare questa opportunità che puoi approfondire fissando un appuntamento con gli esperti della tua Associazione di riferimento.